Posso guidare in gravidanza?

È un momento talmente emozionante che perdiamo ogni certezza e ogni capacità di ragionamento. Facendo, a volte, domande anche esilaranti. Ecco una breve lista di consigli per guidare in gravidanza.

Emanuela Maisano
26/09/2017
Donne e Motori
Nessun commento

Molte sono le cose oggetto di lucido ragionamento nella vita di una donna, fino a quando non arriva quel momento.
Quel momento in cui ogni singolo gesto diventa un arduo caso di studio e valutazione, che Socrate ci fa un baffo.
Quel momento in cui cade ogni certezza, anche quella relativa ad un’azione che abbiamo sempre compiuto.
Quel momento in cui:
posso mangiare le sottilette?
posso mettere i tacchi?
posso viaggiare?
posso andare al cinema?

È l’occasione che la maggior parte delle donne definisce la più bella della propria vita, sicuramente la più emozionante.
E forse proprio per questa ragione, un momento nel quale perdiamo ogni capacità di raziocinio e tendiamo a rimettere in discussione tutto, marito compreso a volte 😜

Di questi tempi, peraltro, la proliferazione sul web di informazioni di dubbia attendibilità non aiuta.
Basandoti solo sulla rete, in cui chiunque può scrivere qualunque cosa, rischi infatti di amplificare ansie e incertezze. Per questo motivo non ci stanchiamo di ricordarti di rivolgerti sempre, per qualsiasi dubbio, a professionisti (medici, legali, sportivi, carrozzieri, ecc…).
L’argomento guida dell’auto è uno dei più trattati con riferimento al periodo di dolce attesa, ecco perché abbiamo pensato ti possa tornare utile una raccolta dei consigli e delle regole più importanti in materia.

Cintura sempre allacciata

Anche se sei incinta, hai l’obbligo di allacciare la cintura di sicurezza.
Puoi sottrarti dall’allacciarla solo nel caso di certificazione rilasciata dal ginecologo curante, che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza.
Ma in questo caso valuta bene se sia il caso di metterti alla guida e ad ogni modo fallo cercando di evitare tutte le situazioni di pericolo.

Allacciala nel modo corretto

Al fine di evitare rischi di lesioni al feto è importante allacciarla nella maniera corretta.
La fascia orizzontale (della cintura) deve scorrere nella parte più bassa della pancia, poggiata sotto il basso ventre.
La fascia diagonale va, invece, fatta passare tra l’addome e il seno.
Così facendo si mantiene il pancione il più libero possibile da qualsiasi costrizione.

Mantieni le distanze

Oltre a quella di sicurezza (qui uno specchietto per ripassare bene le distanze), quando sei in dolce attesa devi valutare bene anche quella che ti separa dal volante.
25 centimetri è la distanza ideale, abbastanza ampia per evitare, in caso di incidenti, possibili complicazioni nel caso in cui l’addome dovesse malauguratamente sbattere contro il volante.

Non disattivare l’airbag

È un sistema studiato per attutire anche l’eventuale impatto che mamma e bimbo potrebbero avere durante un incidente. 

A che mese sei?

I mesi più delicati della gravidanza sono generalmente i primi tre e gli ultimi tre.
Rispetto ai primi, nausea e spossatezza potrebbero compromettere la tua attenzione. Ecco perché dovrai valutare con coscienza e responsabilità se, quando e per quanto sia il caso di metterti alla guida.
Gli ultimi tre mesi, invece, sono problematici per via del pancione ingombrante che potrebbe rivelarsi oltre che scomodo anche pericoloso per una corretta mobilità mentre sei al volante.
La legge non prevede limiti alla guida in nessuno dei nove mesi. Rimette la scelta al tuo buon senso.
E allora, a maggior ragione, ora che sei in dolce attesa, tieni sempre ben a mente i consigli base di una #guidainstatodisicurezza che non ci stanchiamo mai di ricordarti.

Mettiti al volante solo se sei serena e se ti senti bene, vesti comoda, mangia leggero, elimina le distrazioni, rispetta gli obblighi di legge e guida solo se la tua macchina è sicura e controllata (per tutte le info su un’auto sicura chiama il numero gratuito 800700335 o cerca il centro EuroCar Point più vicino a te).

[Fonte: Dipartimento di Sviluppo della Sicurezza dell’auto Seat]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GLI ULTIMI ARTICOLI

LE ULTIME INTERVISTE

Non accontentarti del lavoro a regola d’arte. Pretendi sicurezza.

Due chiacchiere con Orazio, il titolare del Centro Servizi Di Pietro, per scoprire che un “lavoro a regola d’arte” non basta più. Scopriamo perché.

CONTINUA
Il motto di Ennio Bozzato: «Semplice, risolviamo!»

Intervista al titolare della Carrozzeria Bozzato di Teglio Veneto.

CONTINUA