Non accontentarti del lavoro a regola d’arte. Pretendi sicurezza.

Due chiacchiere con Orazio, il titolare del Centro Servizi Di Pietro, per scoprire che un “lavoro a regola d’arte” non basta più. Scopriamo perché.

Emanuela Maisano
31/05/2017
Nessun commento

È un’intervista “con vista” quella realizzata al titolare del Centro Servizi Di Pietro. Il panorama è quello di uno dei porti più trafficati e famosi d’Italia.
Attraversiamo insieme lo Stretto e vi portiamo a Messina, città in cui Orazio e il suo staff lavorano ogni giorno per garantire maggiore sicurezza sulle strade.

Tutto parte dall’intraprendenza di tuo padre, vero Orazio?

Esatto, sono figlio d’arte, come siamo soliti dire noi carrozzieri di seconda generazione.
L’attività inizia nel ’70 grazie a mio padre Gino, che apre la sua prima piccola “bottega”.
Dopo varie estati passate a sporcarmi di grasso in officina, nel ’92, a diciott’anni, entro ufficialmente nel team di lavoro.
Nello stesso anno decidiamo di ingrandire la carrozzeria, anche se il vero salto lo facciamo nel 2006 con il trasferimento nell’attuale Centro Servizi, che oggi vanta 1000 mq di struttura interna, 300 mq di area parcheggio e uno staff di dieci collaboratori.

Interessante come tu abbia usato l’espressione “Centro Servizi” e non più semplicemente carrozzeria. Sintomo tangibile di come realmente il mondo degli auto-riparatori stia cambiando.

Sì. Guarda, proprio prima della nostra chiacchierata ero impegnato a risolvere una questione burocratica legata al sinistro di un cliente.
Con il multi-service siamo praticamente diventati dei veri e propri consulenti a disposizione dell’automobilista.
Inoltre da sei anni, oltre ai servizi di carrozzeria, meccanica, cristalli e sinistri, abbiamo aggiunto anche la meccatronica e la pneumatica, dunque ad oggi possiamo davvero ritenerci completi.
Non c’è cosa migliore che offrire all’utente un servizio che gli permetta di affidarti la macchina e riprenderla completamente controllata e sistemata in tutte le sue parti.

E il cliente apprezza questi benefici?

Apprezza, anche se credo vada sensibilizzato, ancora più incisivamente, rispetto all’importanza della manutenzione e della riparazione.
Quando si parla di riparazione si abusa spesso dell’espressione “lavoro a regola d’arte”, che se ti fermi a riflettere non vuol dire poi più di tanto. Vuol dire “fatta bene”, “fatta correttamente”. Ma bene o correttamente in base a cosa?
La riparazione (e la manutenzione) deve assolvere principalmente ad un principio, quello della sicurezza. E spesso il cliente questo lo dimentica o non lo valuta.
Noi affiliati stiamo unendo le forze, proprio grazie a EuroCar Point, allo scopo di ottenere le giuste modifiche a una legge ormai troppo vecchia, la L. 122/92 riferita all’attività di riparazione.
Si tratta di una legge che non è in grado di assicurare all’automobilista una #guidainstatodisicurezza e questo va detto e soprattutto risolto.

Quali miglioramenti si potrebbero apportare a questa legge così obsoleta?

Con EuroCar Point ci stiamo battendo affinché, per legge, venga previsto un certificato che attesti la conformità di una riparazione a seguito d’incidente stradale.
Un documento da poter consegnare al centro revisioni e registrare alla motorizzazione, per verificare cosa sia stato cambiato e controllato, da chi sia stato fatto e soprattutto che sia stato compiuto conformemente a quanto stabilito dalla casa produttrice.
Forse è un’utopia, ma io sono sognatore di indole e nella squadra di EuroCar Point ho trovato altri folli sognatori come me con i quali rimboccarsi le maniche e andare tutti verso la stessa direzione.

Sbirciando tra i servizi del tuo Centro ho letto un’attenzione particolare per l’utilizzo di vernici ad acqua. Di che si tratta?

Sono vernici amiche dell’ambiente perché meno inquinanti di quelle a solvente, nella mia carrozzeria le uso già da dieci anni.
Sono sempre stato molto sensibile al discorso di tutela ambientale a partire dall’installazione di pannelli solari, passando per i distillatori per solventi, fino ad arrivare alle vernici ad acqua.
Quest’ultime non sono solo eco-sostenibili, ma sono migliori anche dal punto di vista riparativo. L’auto esce dalla casa madre con la vernice ad acqua. Se durante la riparazione la mescoli a una vernice differente, col passare del tempo avrai sicuramente dei problemi.

A proposito di rispetto per l’ambiente, è vero che oltre all’auto di cortesia, ad alcuni clienti dai anche la bicicletta elettrica?

(Sorride). Sì, questo perché credo fermamente nell’importanza di salvaguardare l’ambiente in cui viviamo. E loro rimangono sorpresi e divertiti, ma allo stesso tempo apprezzano molto.

Abbiamo già avuto occasione di parlare, con altri tuoi colleghi, dell’importanza delle pellicole di oscuramento vetri, ma leggo che tu consigli anche quelle semplicemente trasparenti (non oscuranti). A quale scopo?

Le pellicole da applicare ai vetri sono importantissime per la sicurezza di chi guida e dei suoi passeggeri, perché assolvono a una funzione di contenimento.
In caso di incidente, infatti, sono in grado di contenere i frantumi del vetro, evitando che questi possano attentare alla salute o alla vita delle persone coinvolte.
L’unico vetro dell’auto che non si frantuma è il parabrezza, tutti gli altri, in caso di botta, rischiano di andare in mille pezzi e diventare una vera e propria arma per le persone che stanno nell’abitacolo, ecco perché valutare l’applicazione delle pellicole (anche trasparenti) diventa importante.

Se dovessi pensare a un motto, un modo di affrontare il tuo lavoro ogni giorno?

Non abbiamo un motto particolare, ma proprio durante gli incontri con il team di EuroCar Point ho fatto anche mio il modo che la rete ha di vedere la vita, in generale: bisogna guardare sempre avanti con coraggio.
Capisco che in questo momento possa sembrare difficile, ma nel dubbio, perché non provarci? Se non sogni non provi, e se non provi, rimani sempre fermo, non migliori mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LE ULTIME INTERVISTE

Il motto di Ennio Bozzato: «Semplice, risolviamo!»

Intervista al titolare della Carrozzeria Bozzato di Teglio Veneto.

CONTINUA
La qualità del lavoro è come quella di una pellicola di car wrapping, si apprezza col passare del tempo

Solo quando la nostra macchina non dà problemi per tanto tempo, capiamo l’importanza di una manutenzione costante e ben fatta. Grazie agli amici della Carrozzeria Golino Car per avercelo ricordato.

CONTINUA

GLI ULTIMI ARTICOLI