Se hai queste malattie non puoi guidare: le novità dal 6 ottobre 2017

Chi soffre di malattie del cuore, del sangue o neurologiche conosce bene i limiti. Ma ci sono importanti novità. Scopriamole insieme.

Emanuela Maisano
29/09/2017
Sicurezza
Nessun commento

Chi convive con le difficoltà di alcune patologie, lo sa bene.
Esistono malattie che la legge definisce invalidanti al punto da vietare il rilascio della patente a determinate categorie di malati.
Il riferimento va a:

Chi soffre di patologie cardiovascolari

Nei ”casi dubbi”, ovvero nel caso di portatori di protesi, il giudizio di idoneità verrà espresso dalla commissione medica locale.

I diabetici

Con specifico riferimento a coloro che soffrono di diabete mellito che richieda necessità di trattamento di insulina.

Gli affetti da altre malattie endocrine gravi

Affezioni diverse dal diabete e varie patologie del sistema nervoso: encefalite, sclerosi multipla, miastenia grave.

Coloro che soffrono di patologie legate al sistema nervoso

In questi casi sono possibili eccezioni, come avviene per chi soffre di epilessia.

Le persone colpite da malattie psichiche

Quando le turbe della psiche non siano compatibili con la sicurezza della guida, salvo i casi che la commissione medica locale potrà valutare in modo diverso avvalendosi, se del caso, della consulenza specialistica presso strutture pubbliche.

La lista completa delle patologie è rinvenibile nel Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada (D.P.R. numero 495 del 16/12/1992), all’appendice II.

La novità

L’elenco che abbiamo appena considerato, il 6 ottobre 2017, verrà modificato escludendo tra i casi di impossibilità di ottenere la patente, quello delle malattie ematiche.
In altre parole, a partire da questa data, tutti coloro che soffrono di malattie del sangue potranno sostenere l’esame per la patente di guida o ottenerne il rinnovo.
Questo grazie al progresso scientifico intervenuto sui nuovi strumenti di diagnosi e sulle nuove terapie per la cura delle malattie del sangue.

I divieti previsti dalla legge nascono ovviamente dalla necessità di garantire una #guidainstatodisicurezza, che, come ti ripetiamo sempre, parte da un controllo costante e completo della salute dell’auto, ma passa in ogni caso dal benessere di chi si mette al volante.
Pertanto, guida nel rispetto della legge e solo se tu e la tua macchina state bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GLI ULTIMI ARTICOLI

LE ULTIME INTERVISTE

Non accontentarti del lavoro a regola d’arte. Pretendi sicurezza.

Due chiacchiere con Orazio, il titolare del Centro Servizi Di Pietro, per scoprire che un “lavoro a regola d’arte” non basta più. Scopriamo perché.

CONTINUA
Il motto di Ennio Bozzato: «Semplice, risolviamo!»

Intervista al titolare della Carrozzeria Bozzato di Teglio Veneto.

CONTINUA