Vendere un’auto usata su internet: i consigli

Dalla preparazione della vettura, alla scelta del sito e del testo migliore per l’annuncio. Ecco come vendere un’auto usata su internet.

Emanuela Maisano
20/07/2017
Consigli
Nessun commento

La rete, croce e delizia dell’era digitale.
Tanto apprezzata e utile da un lato e tanto temuta e pericolosa dall’altro, soprattutto quando si parla di auto.
Abbiamo già avuto occasione di affrontare il delicato discorso dell’acquisto di macchine sul web, constatando come con i giusti accorgimenti sia possibile concludere l’affare in tutta sicurezza.
E se questa volta fossi tu a voler vendere l’auto?
Anche per questa ipotesi esiste una serie di importanti precauzioni che ti permetteranno di posizionarti sul mercato in maniera competitiva e soprattutto di poter vendere con tranquillità.
Vediamole insieme.

La preparazione della macchina 

Il primo step, imprescindibile, per partire col piede giusto (anzi con la marcia giusta J) è la preparazione dell’auto.
La macchina che stai per vendere (a meno che non debba essere demolita o distrutta per utilizzarne qualche pezzo) dev’essere come nuova, soprattutto per quanto riguarda le parti essenziali per la #guidainsicurezza.
Nel momento in cui ti assumi la responsabilità della perfetta funzionalità del mezzo, devi garantire al compratore che la macchina sia stata portata da un auto-riparatore per la manutenzione ordinaria completa (clicca qui per conoscere il centro EuroCar Point più vicino a te e per tutte le info sulla corretta manutenzione).
Ovviamente la preparazione include anche la pulizia totale degli esterni e degli interni, meglio ancora se con igienizzazione dell’abitacolo (link), che secondo le statistiche, permette di vendere l’auto più facilmente.

Le foto dell’auto

Un annuncio vincente DEVE avere le foto dell’auto.
Gli annunci corredati di foto vengono cliccati con una frequenza di gran lunga maggiore rispetto a quelli sprovvisti.
Deve trattarsi di foto:

  • in alta qualità (oggi gran parte degli smartphone in commercio garantiscono foto di buonissima risoluzione)
  • dell’auto nella sua interezza da diverse angolazioni (interne ed esterne), ma anche di ogni singolo dettaglio importante da mostrare (comprese le ammaccature e i graffi, quando indicate nell’annuncio)
  • scattate possibilmente su sfondi neutri (un muro, un prato, ecc…), con luce naturale (non di notte o di sera e, in ogni caso, senza flash) e senza la presenza di persone nell’inquadratura

Il sito su cui caricare l’annuncio

Scegliere il sito giusto non è semplice.
Bisogna stare attenti che non sia un “sito-truffa” e bisogna capire se e quanto investire.
Esistono siti che offrono il servizio gratuitamente (con l’eventuale possibilità, però, di pagare qualche decina d’euro per mettere l’annuncio più in evidenza) e siti a pagamento.
Che tu scelga l’uno o l’altro, la parola d’ordine è sempre buon senso
Oculatezza nel valutare l’attendibilità dei portali.
Dai preferenza a quelli più conosciuti, con recensioni confortanti e credibili e con termini di servizio comprensibili e trasparenti.
Confrontati con amici, conoscenti, colleghi e soprattutto esperti. Non dimenticare che il tuo carrozziere dev’essere, innanzitutto, il tuo più fidato consulente.

Il testo dell’annuncio

Per farsi che il testo sia il più completo d’informazioni possibile, cerca sempre di metterti nei panni del compratore.
Se fossi tu quello che vuole acquistarla, cosa vorresti venisse specificato di quell’auto?
Più preciso ed esaustivo sarai (marca, modello, variante, tipo di motore, performance, anno, chilometraggio, accessori, motivo della vendita, manutenzione, ecc…), più possibilità avrai di essere contattato.
Nella creazione del testo fai molta attenzione agli errori grammaticali (danno una pessima impressione di te) ed evita come la peste:

  • abbreviazioni
  • linguaggio da teenager (xké, cmq, xò…)
  • termini troppo tecnici (alle espressioni inglesi e troppo tecniche, preferisci delle alternative in italiano)

E ovviamente, non scrivere bugie!
Indica tutti i difetti della macchina e non barare sui Km. Oggi verificare quelli reali è un gioco da ragazzi.

La prova su strada

Considerando che hai a che fare con sconosciuti, qualche accortezza in più non è mai troppa.
Fissa l’appuntamento in una zona a te familiare e scegli un percorso conosciuto.
Evita di arrivare all’appuntamento da solo, porta con te un parente o un amico, e prima di partire controlla la validità della patente del compratore.

Il passaggio di proprietà

Per velocizzare i tempi, ti conviene richiedere il passaggio presso un STA (Sportello Telematico dell’Automobilista), attraverso il quale sarà possibile per il compratore ottenere subito targa, carta di circolazione e Certificato di Proprietà Digitale (senza dunque doversi rivolgere in tempi diversi agli uffici territoriali dell’ACI).
Ovviamente, conserva (e fai conservare all’acquirente) una copia dell’atto di vendita, ti sarà di grande aiuto nel caso di mancata registrazione del passaggio di proprietà al PRA.
Per il pagamento prediligi il bonifico bancario (con causale riportante modello dell’auto e numero di targa), che oltre a garantire tracciabilità è anche il metodo più sicuro per concludere serenamente la vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GLI ULTIMI ARTICOLI

LE ULTIME INTERVISTE

Non accontentarti del lavoro a regola d’arte. Pretendi sicurezza.

Due chiacchiere con Orazio, il titolare del Centro Servizi Di Pietro, per scoprire che un “lavoro a regola d’arte” non basta più. Scopriamo perché.

CONTINUA
Il motto di Ennio Bozzato: «Semplice, risolviamo!»

Intervista al titolare della Carrozzeria Bozzato di Teglio Veneto.

CONTINUA